◄─ 09.11.'19

Ultime news

 HOME PAGE 

 sabato 16 Novembre 2019, ore 14:00

Queste news saranno ancora una volta monotematiche ; le scorse erano sul trentennale della caduta del Muro, queste riguardano Venezia andata sotto acqua. Era dal 1966 che non si raggiungeva un tale livello di ‘Acqua Alta’; allora (04.11.1966) fu 194 cm, la sera di martedì 12 ha toccato i 187 cm! Così per la sesta volta, in 1200 anni, la cripta della Basilica è andata sottacqua. I danni provocati dal "combinato mareggiate-pioggia" alla città sono ingentissimi; il doge/sindaco ha stimato un miliardo per far conto pari... Mi scuso per il sarcasmo, ma certa gente che ha governato per anni la città (e la regione) ignorando il problema cosa merita? Zaia dà le colpe ai governi precedenti, ma anche allo Stato per il MOSE non ancora in funzione! E' un'opera costosissima che brucia miliardi dal 2003 quando iniziò la costruzione dopo decenni di discussioni e progetti. L'ineffabile Galan, ‘Serenissimo’/presidente della regione Veneto dal 26.05.1995 al 07.04.2010, con questa opera faraonica fece pulito dei miliardi messi a disposizione dallo Stato [leggi qui]. L'ex-tutto (era deputato fino 27.04.2016), condannato dalla Corte dei Conti, uscito dal carcere dopo aver patteggiato ha voluto rispondere agli attacchi mossi il MOSE! L'ha fatto anche a nome di Giovanni Mazzacurati che essendo passato a miglior vita lo scorso Settembre non ha potuto replicare... Ammesso che quest'opera d'ingegneria sia completa al 95%, perchè <<casso>> non è stata utilizzata? E' davvero un mistero, ed un paradosso, che è costato ai contribuenti da Bolzano a Ragusa; quando entrerà in funzione, dice nel 2021, forse sarà già "vecchio" visto che costerà 80-100 milioni l'anno! Se nei Paesi Bassi avessero seguito il nostro andazzo, da un dì che sarebbero sottacqua eheheh. Invece loro hanno barriere all'avanguardia: Maeslantkering per Rottendam e Afsluitdijk per Amsterdam. Sono solo due dei cosiddetti Zuiderzeewerken che hanno permesso all'Olanda di strappare terreno al mare e renderlo coltivabile. Invece per la Laguna è tutto molto più complicato; si deve decidere una volta per tutte fra l'equilibrio di quel posto unico al mondo oppure una portualità ad uso e consumo del turismo. Chiudo con una battuta ed un "accidente": <<più che il MOSE servirebbe Mose, anzi Noè>> e <<se rivotate per la solita gentaglia, ben vi stà>>. Direi che è tutto; spero che le ‘camicie’ non mi aspettino sotto casa per una calda, un battuto eheheh. Ecco le rubriche di chiusura: I PIU' LETTI dell'ultima settimana, ma anche di oggi e del mese; sette giorni a cura di Giorgio dell'Arti (domenica 10, lunedì 11, martedì 12, mercoledì 13giovedì 14, ieri, oggi); foto atlantiche pseudosettimanali (da domenica 10 a giovedì 14). Vi ricordo che per riavere a disposizione cinque visioni mensili - senza dovervi abbonare al costo di circa 1 dollaro a settimana - basta cancellare i cookie. Se volete togliere solo quelli relativi a The Atlantic selezionatelo direttamente con Mozilla oppure usate questo freeware per IE. Se avete dispositivi mobili vi consiglio questa pagina dove sono elencati i passi per togliere i cookie. Sicuramente esisteranno delle app che permettono di togliere un cookie specifico invece che tutti; cercate e la troverete. Comunque sia, da oggi ai numeri romani a cui sono associate le foto con "didascalia" linkerò l'url in maniera che potete vedere gratis l'immagine. Se volete leggere la descrizione sintetica, la data, il luogo e chi l'ha scattata basta andare alla pagina colorata in giallo; semplice no? Dopo il lungo inciso in cui spiego come gabbare The Atlantic - Photo, ecco la mia personale rassegna: Idimostrante buttato a terra da un getto d'acqua durante le proteste antigovernative a Santiago del Cile. IIpoliziotti con il casco nero che picchiano senza misericordia durante le dimostrazioni, anzi sommosse, in corso da mesi a Hong Kong. IIItizio vestito da Babbo Natale con una cassetta di lettere scritte da bambini/e in ufficio postale tedesco. Ricordo che le missive a Santa Claus vanno indirizzate a questo posto; serve il francobollo perchè solo il Presidente della Repubblica ed il Papa hanno diritto alla cosiddette franchigie postali (abolite nel 1999). Lo ripeto a scanso d'equivoci secondo quanto previsto dall'articolo 109 del DPR n. 455/1982: La franchigia si applica, altresi', alle corrispondenze spedite dal Sommo Pontefice con il di lui contrassegno ed a quelle a lui dirette impostate nel territorio della Repubblica. Purtroppo è accaduto che un'addetta alle Poste non conosca questo articolo di legge ¦notizia¦; da me un'impiegata alla "Qualità" ha farneticato che questa franchigia <<è stata abolita con il Concordato>>! Ormai mi sono arreso con questa memente: l'ho messa sulla mia ‘lista nera’ cioè fra le persone a cui togliere il saluto. Un'altra "collega" di quell'ufficio è recentemente finita nella mia lista perchè a suo dire dovrei indirizzare al cap senza guardare l'indirizzo! Provocatoriamente gli ho domandato a chi mandare una lettera al Papa con il cap di Pistoia; e lei mi ha risposto al 51100! Chiudo questo inciso "personale-professionale", ricordando che se sulla missiva a Rovaniemi viene messo anche l'indirizzo del mittente, sarà cura di Babbo Natale & suoi aiutanti di rispondere con comodo... IVun panda sottoposto ad una tac in un istituto specializzato tedesco. Jiao Qing è stato ovviamente anestetizzato; lo scopo di queste analisi è verificare il funzionamento dei suoi reni. Vpartecipanti ad una gara di chess-boxing al Cabaret Sauvage di Parigi. Questo sport combinato prevede boxe e scacchi: s'inizia con la scacchiera per quattro minuti e poi dopo essersi cambiati/riposati per un minuto si boxa per tre minuti. Le riprese sono undici e vince chi mette al tappeto l'avversario oppure gli fa scacco matto. Semplice no? Infine ecco lo speciale/In Focus della settimana: Venezia sommersa come non accadeva dal 1966. L'Aglianese ha affrontato la terzultima con un po' di sufficienza e per poco non ha perso; comunque sia, meglio un punto che nulla o no? La gara non ha visto molte occasioni da rete, specie nel primo tempo quando il solo Cipriani ha dovuto alzare sopra la traversa una palla colpita di testa da un avversario. Nella ripresa le due squadre hanno continuato ad annullarsi a vicenda, anche se gli ospiti sono andati vicinissimi al vantaggio con un tiro a botta sicura di Gallo respinto sulla linea da Panelli! Mister Cioffi solo al 40’ metteva in campo Di Vito al posto di un poco ispirato Rosati. Gli ospiti in zona Cesarini sono nuovamente andati ad un passo dal gol: Arduini, con un'azione elegante e veloce arriva a tirare dal limite, ma Cipriani riesce ad alzare la palla di un niente per non farla finire nel sette! Il punto finale è merito suo, come se avesse segnato un gol... Curiosamente gli unici due pareggi casalinghi sono 0-0, conseguiti con squadre laziali. Ancora una volta si evidenzia la "non continuità" della serie il difficile non è vincere, ma rivincere. La squadra è apparsa contratta come se dovesse dimostrare di dover battere gli avversari terzultimi. Stavolta è mancato il gioco e sinceramente non mi aspettavo Di Vito in panchina; l'ha messo in campo quando ormai la gara era agli sgoccioli. La zona playoff è distante una sola lunghezza, ma per arrivarci serve mantenere la media inglese; quindi dopo un pari in casa, ci vuole... Non scrivo altro per scaramanzia; prossima gara, una trasferta contro un'avversaria ex rivelazione della scorsa stagione: San Donato Tavarnelle(12,sestultima*)Aglianese(15,ottava*) alle 14:30 di domani, undicesima giornata. * a pari punti con due squadre; ** insieme al Grassina, ma in svantaggio negli scontri diretti. La Ferruccia - dopo ben 6 sconfitte consecutive - è riuscita ad ottenere un punto, per di più in casa dove aveva sempre perso. Era una specie di maledizione che andava prima o poi spezzata ; sarebbe stata meglio vincere, ma va bene anche così. Della gara posso riferire solo quello che mi ha accennato un dirigente la mattina dopo; infatti, a suo tempo, dissi che non sarei andato a vedere gare casalinghe degli arancioneri finché questi avessero continuato a perdere fra le "mura amiche" dello stadio quarratino... Stavolta la squadra ha mostrato di avere una difesa degna di questo nome visto che i pericoli corsi dice sia stati veramente pochi. Purtroppo l'attacco non ha sfruttato l'occasioni sotto porta; insomma ai punti la Ferruccia avrebbe meritato la vittoria. Si vede che la "scossa" data dalle dimissioni dell'allenatore Mari, poi respinte dalla società, si è fatta sentire fra i giocatori. Presto saranno ufficialmente in rosa tre svincolati che si stanno già allenando; inoltre tornerà Petazzoni che aveva giocato titolare la scorsa stagione. Il cosiddetto "calciomercato di riparazione" si aprirà solo il 2 Dicembre; quindi mancano ancora diverse settimane. La classifica con la sconfitta del Pistoia Calcio è leggermente migliorata: penultimo posto a 4 punti con quartultima e quintultima cinque lunghezze avanti. Il Cecina 2000 che aveva vinto in casa della Ferruccia al 91’, grazie ad un rimpallo, è terzultimo a 7 anche perchè da allora [quinta giornata, 13 Ottobre] ha perso quattro gare di fila, fra cui una in casa del Pistoia Calcio. Spero di non averla gufata; prossima gara: Spazzavento(9,quartultimo*)Ferruccia(4,penultima) alle 14:30 di domani, decima giornata▪campo sportivo Bonelle, Pistoia. * insieme al Chiesanuova, ma in svantaggio nello scontro diretto. Passate un buon fine settimana, e speriamo che il maltempo dia una tregua avendo già sferzato l'Italia. Proprio Venezia potrebbe subire altri picchi di AA; la popolazione veneziana non si merita di stare nella mota per colpa di certa gentaglia. Però se la rivota, mal voluto non è mai troppo...

 news astronomia  

news astronautica

sezione Fiorentina

 sezione Pistoiese  

 sezione Aglianese 

 sezione Ferruccia 

news 2019 - IV trimestre

 

ARCHIVIO GENERALE