◄─ 14.11.'20

Ultime news

 HOME PAGE 

per una visualizzazione ottimale (come fosse IE) usate Lunascape.

sabato 21 Novembre 2020, ore 19:05

Salve; oggi inizio introducendo una nuova "rubrica": quella della cazzata/figura di merda della settimana. Nel primo caso, si tratterà di una (o più) frasi fra queste virgolette « e »; peccato non potergli associare un colore, a differenza della figura di mota eheheh. Riporto adesso alcune cazzate dette nell'ultime settimane, quasi per rimettermi in pari: «Piano Covid Calabria l'ho fatto io, ero in stato confusionale, forse mi hanno drogato.»; «Perché per beccarti il virus, se io fossi positivo, dovresti baciarmi per 15 minuti con la lingua in bocca.» (ex commissario sanità della Calabria; in carica per pochi giorni poi fatto dimettere); «Se vogliamo uscirne per Pasqua, i regali dovrebbero essere acquistati esclusivamente su Internet, il cenone dovrebbe avvenire in gruppi ristretti magari collegandosi in videochiamata» (medico e direttore reparto malattie infettive). Come fdm, potrei citare quella di Morra sulla Santelli o del zanzarologo Crisanti sul vaccino; ma preferisco qualcosa di più "eclatante". Nota: nessun nome e cognome, al massimo dei riferimenti per dare un'idea di chi ha detto tali cazzate. A proposito, che dire dell'idea — più che pazza — di liberare il Paese per una decina di giorni, prima di Natale, con lo scopo di permettere i "consumi" (regali e spese varie); poi, a ridosso della festività, ci sarebbe una nuova serrata fino a chissà quando! La festività natalizia è ormai una fisima del premier da quando un bambino gli scrisse(?) per chiedergli se Babbo Natale poteva girare per portare i doni.  Con il suo paternalismo, peloso e melenso, gli rispose che il vecchio vestito di rosso e bianco aveva una <<autocertificazione speciale>>... Non gli ha però spiegato che non ci sono più soldi per comprare i regali e quindi Santa Claus dovrà vendere fluidi corporei, prostituirsi o se vuole soggiacere alle richieste della Befana eheheh. Ci sarebbe poco da ridere sul altre "stravaganze" del premier: aver scritto una lettera a  Repubblica per giustificare quanto avrebbe fatto il Governo; portare un orologio che non funziona; definire fake-news il ritardo dell'Italia sul RP, che invece è tale; aver fatto dimettere un commissario governativo, nominata quasi due anni fa e riconfermato due volte (nel 2019 e lo scorso 4 Novembre con il ‘decreto Calabria’). Vorrei aggiungere che ben due sostituti si sono dimessi in dieci giorni! Chissà chi verrà nominato; Topo Gigio? Arcuri che è calabrese? richiamata dall'aldilà la buon'anima della Santelli, "offesa" da Morra in una maniera da prenderlo a nocchini. Passando alla situazione del coronavis, e scusandomi per il sarcasmo, l'Rt nazionale è diminuito da 1,43 a 1,18; addirittura tre regioni (Lazio, Liguria, Sardegna) è sotto 1! Invece in sette è sotto la soglia di 1,25; delle cinque "regioni" solo la Toscana ha un Rt ancora importante: 1,44. Dopo il report di ieri non ci dovrebbero essere cambiamenti di colore; Piemonte e Lombardia fremono per uscire dalla fascia di rischio più alta nonostante percentuali casi/morti da brivido: rispettivamente 8.853/169 e 2.896/77 ¦fonte¦. Per la prima volta, in questa "fase autunnale"/‘seconda ondata’ in Lombardia si registra un saldo negativo nei ricoveri; le province dove la situazione rimane critica sono Monza e Brianza, Como, Milano. L'Abruzzo si è messo volontariamente in zona per la saturazione degli ospedali, specie nel Teramano. I ricoveri continuano ad avere trend discendente (106 oggi, di cui 10 in terapia intensiva); però in 19 regioni i reparti ospedalieri internistici sono saturi, non c'è più posto né per i malati di covid né per gli altri. Passando alla situazione nel mondo, si registrano 58 milioni di casi e 1.382.000 morti. Gli Stati Uniti sono ovviamente più che primi con oltre 200mila casi ieri e 2.000 morti negli ultimi giorni! In California è scattato il coprifuoco: dalle 22 alle 5; la decisione del governatore è dipesa dall'aumento dei contagi che hanno superato il milione. A New York è stata disposta la chiusura delle scuole; inoltre il governatore Cuomo ha deciso che i locali pubblici dovranno chiudere alle 22. Riguardo gli States, il presidente uscente prosegue — testardo come un mulo — nel non voler concedere la vittoria; anzi sembra comportarsi con l'inquilino che deve sloggiare e lascia l'appartamento ridotto ad un merdajo eheheh. In settimana voleva imporre una sua fedelissima alla Fed; ma l'ha preso in tasca perchè due repubblicani hanno votato con i democratici! Il voto finale è stato 50-47 dove l'attuale maggioranza repubblicana è 53 a 47 ¦fonte¦. Ma la batosta peggiore è stata il riconoscimento da parte di due legislatori locali, convocati dalla Casa, del voto in Michigan; per l'azzeccagarbugli di Trump era forse la freccia migliore. Gli sarà venuto male come quando si sarà rivisto stravolto e con un rigo di sudore tinto sul volto... Povero ‘Rudy’: avrà capito che è una battaglia persa? A proposito di tentare l'impossibile, contrastare le canizie alla sua età (76 anni) rimane quasi impossibile a meno che non usi questo prodotto. Dopo quest'intermezzo trico-pubblicitario, passerei alla situazione del covid in Europa: i paesi che da tempo hanno adottato il lockdown vedono i primi risultati; forse la Francia introdurrà i primi allentamenti ad inizio Dicembre, invece il Regno Unito potrebbe prolungare il contenimento. In Germania il numero dei contagi giornalieri continua ad aumentare; idem per la Svezia che ha il più alto tasso di decesso del Nord Europa. La Russia ha raggiunto i 2 milioni di casi, ma non prevede il lockdown; sperando di vedere migliorare la situazione ha imposto cinque regole ¦fonte¦. Infine un'impennata in Giappone ha fatto scattare la massima allerta. Prima di chiudere, un aggiornamento su Alex Zanardi: avendo raggiunto una condizione fisica e neurologica di generale stabilità è stato trasferito all'ospedale di Padova, città dove abita la famiglia. Così potrà proseguire il suo percorso di recupero ed avere i famigliari ancora più vicino ¦approfondimento¦. Ricordo che sull'Home Page di automotorinews.it c'è il link LIVE Zanardi. Adesso chiuderei con la solita sequela di url a tema: pagina worldometers.info [situazione per ogni paese del mondo]; statistiche coronavirus in Italia [con report dal 24 Febbraio]; trend dei ricoverati con sintomi ed in terapia intensiva [grafici dal 24 Febbraio a ieri]; coronavirus in Italia: tutti i dati [con evoluzioni temporali, regione per regione]; Rt COVID-19 Italia [ispirato ad Rt live; valori — non ufficiali — calcolati con metodo bayesiano]; indice di contagiosità Rt (ex R0) regione per regione [aggiornato ogni venerdì; dati ufficiali dell'Iss]; pazienti covid-19 in terapia intensiva per capienza [con percentuale rispetto al totale dei posti letto, regione per regione]; aggregato totale positivi su totale tamponi (regione per regione); percentuale positivi su tamponi; tasso di letalità regione per regione; www.coronamap.it (mappa termica del contagio in Europa, centrata sull'Italia. I "giorni raccontati" della settimana appena trascorsa: dom. 15 {sputniknews.com Italia|mondo}, lun. 16, mar. 17, mer. 18 {sputniknews.com Italia|mondo}, gio. 19, ven. 20/ieri, sab. 21/oggi {sputniknews.com Italia|mondo}. Rassegna di foto atlantiche (giovedì 12-giovedì 19). Come ben sapete, oppure no, Iachini è stato esonerato; il pareggio a reti bianche di Parma gli è stato per così dire fatale. Soltanto una vittoria avrebbe potuto prolungare la sua guida tecnica; ma i gigliati — in maglia rossa tipo Danimarca — hanno avuto una sola occasione degna di nota. Dopo un primo tempo abbastanza soporifero, dove l'unico pericolo l'ha creato Gervinho con una delle sue progressioni, al 4’ c'è stata una fiammata: Pulgar dal limite, grazie anche ad un rimpallo, riesce a servire una bellissima palla a Biraghi; l'esterno si trova defilato in area e spara un bolide che Sepe para d'istinto con il corpo! Nel proseguo della seconda frazione la Fiorentina ha mantenuto un certo predominio; Castrovilli ha scaldato i guantoni a Sepe con un tiro potente, ma centrale; infine Lirola, entrato al 27’ st per Venuti, con un'azione pericolosa è andato sul fondo per poi vedere il suo cross teso deviato in angolo. Il tecnico marchigiano nella dichiarazioni post gara si è "congedato" con un <<Quello che si deciderà non spetta a me, vedremo>>... Così nella serata di lunedì 9 è arrivato l'esonero; al suo posto — dopo dieci anni — torna Cesare Prandelli. La società ha emesso un comunicato con il solito ringraziamento per il lavoro svolto ¦suo "bilancio"¦; il tecnico di Orzinuovi non aveva mai lasciato Firenze visto che si era stabilito nel quartiere di Santo Spirito. Dopo l'esperienze negative all'estero, decise che da "disoccupato" avrebbe fatto anche il contadino in una villa sulle colline fiorentine. Al calcio italiano era tornato con la guida del Genoa nel Dicembre 2018; curiosamente l'ultima gara di quel campionato fu un decisivo Fiorentina-Genoa che finì a reti inviolate visto che l'Empoli perse con l'Inter. A quella partita c'ero e fu davvero surreale; le due squadre si erano praticamente "accordate" per il pari, ma solo perchè i biancoazzurri perdevano. Il fischio finale arrivò un po' prima della gara di Milano e lo staff genovano si fece prendere dall'entusiasmo non sapendo che l'Empoli andò vicinissima al pari... L'uomo che si è raccontato in conferenza stampa ovviamente è diverso da quello che lasciò la Fiorentina nel Giugno 2010 per approdare in Nazionale. Quell'ultima stagione fu particolare: al girone d'andata i viola erano quasi esimi in campionato, ma reduci dalla vittoria nel girone di Champions, ed in casa del Liverpool. Poi ci fu la cocente eliminazione nella doppia gara con il Bayer Monaco; anche la Coppa Italia fu amara: l'Inter vinse entrambe le semifinali. La stagione finì con un mesto undicesimo posto e l'addio a Giugno non fu certo amichevole... Tornando al presente, Prandelli dovrebbe proporre il 4-2-3-1: Igor accanto a Pezzella al centro della difesa, Amrabat in mediana e finalmente un centravanti di ruolo. Ci voleva tanto? Infine una brutta notizia: oggi è morto Pietro Vuturo, leader del tifo organizzato della Fiorentina e dei verdi di San Giovanni nel Calcio Storico. Aveva 60 anni ed era malato da tempo di cancro. Nonostante tutto, era recentemente intervenuto alla trasmissione “Viola nel cuore” che aveva condotto dal 2010 prima su Radio Blu e poi su Radio Bruno Toscana. Sperando di onorarlo al meglio, indico la prossima gara, dopo la sosta per la Nazionale; segnerà il ritorno di Cesare sulla panchina alla distanza di  3.844 giorni|cartella stampa|probabili formazioni: Fiorentina(8*)Benevento(6**)0-1highlightssintesi│‘pagelle alle 12:30 di domani, ottava giornata {a porte chiuse}. * insieme allo Spezia; ** a pari punti con altre due squadre.  La Pistoiese ha perso con l'Olbia una gara che stava vincendo; cioè accaduto per una sciagurata sciocchezza del portiere che dopo aver abbrancato la palla, da terra, ha scalciato un avversario! L'arbitro non ha potuto far altro che espellerlo e assegnare il calcio di rigore, la cui trasformazione a fine primo tempo è stata una mazzata. Fino a metà primo frazione si è registrata una maggiore pericolosità degli ospiti: prima Cesarini in mischia tirava sul portiere ospite, poi Udoho con un diagonale sfiorava il palo; infine la palla, deviata acrobaticamente in area da Ladinetti, venia alzata da un provvidenziale intervento di Pierozzi quasi sulla linea. Un intervento che è valso come un gol che comunque è arrivato al 26’: Simonetti va sulla fascia e cross in area piccola dove Chinellato batte sottomisura il portiere con un preciso colpo di testa! Al 39’ è avvenuto l'episodio-chiave: Udoho prova la percussione, viene fermato, si ritrova la palla con i piedi ed è fermato in area piccola da difensori arancioni ed il portiere. Perrucchini perde il pallone, poi lo riprende scontrandosi con Pennington; ma quando è a terra con il pallone fra le braccia scalcia l'avversario! L'arbitro vede tutto e così espelle il numero uno ed assegna il calcio di rigore, poi realizzato da Ladinetti; mister Frustalupi per far posto a Vivoli toglie Tempesti. La ripresa inizia con un tiro di Chinellato deviato in angolo dal portiere isolano; ma è un illusorio fuoco di paglia perchè al 53’ la squadra sarda passa in vantaggio: bella azione tutta in velocità, Giandonato al limite controlla la palla e s'inventa un preciso rasoterra che finisce a fil di palo. La reazione degli arancione si vede solo al 70’ quando Chinellato su cross di Spinozzi, praticamente in area piccola, tira a lato! L'Olbia va poi vicino al tris con Ragatzu al 76’ che vede il suo tiro a botta sicura respinto da Vivoli; sul proseguo la palla viene scodellata nel mezzo ed il portiere se la lascia sfuggire travolgendo un compagno; Gagliano è il più lesto nel calciare verso la porta, ma incredibilmente il pallone — con una traiettoria beffarda — coglie prima il palo e poi rimbalza verso l'altro! Ma mica è finita: un difensore arancione accorre, ma non riesce a spazzare e così un "giocatore" in scivolata fa sbattere la palla sullo stesso palo, e questa scivola fuori!! L'ultime due occasioni comunque sono della Pistoiese: prima Valiani in spaccata impegna il portiere, poi Pierozzi — al limite dell'area piccola — mette incredibilmente di testa sul fondo. Sarebbe stata una beffa per l'Olbia che riesce a far passare senza pericoli i minuti di recupero conquistando così la prima vittoria in campionato (dopo nove gare). La Pistoiese invece in undici giornate di vittorie ne ha raccolte due, entrambe in casa; le sconfitte sono già sei, di cui due consecutive. La situazione in classifica è virtualmente drammatica perchè le tre squadre sotto (Olbia, Giana Erminio, Lucchese) hanno da recuperare almeno due gare. La terzultima e penultima sono a 7, mentre la Lucchese — con tre gare da recuperare — è ultima con due soli punti. Le gare di recupero Pro Vercelli-Giana e Lucchese-Olbia sono rispettivamente terminate 4-0 e 0-0; quindi la Pistoiese è rimasta quartultima a quota 9 (anzi sarebbe quintultima poiché ha battuto il Piacenza che è a pari punti). Dopo la cocente sconfitta solo il direttore sportivo Dolci ha voluto metterci la faccia davanti alle telecamere; la società l'ha fatto qualche giorno dopo. Intanto la contestazione dei tifosi, almeno per quanto riguarda i gruppi organizzati, si è fatta sentire. Ferrari junior però ha difeso le scelte fatte dalla proprietà, anche le più "strane" tipo quella di aspettare l'ultimo mese di calciomercato per fare i primi tesseramenti. A suo dire, gli investimenti ci sono; la squadra non è debole e l'allenatore resta al suo posto... L'impressione invece è che in caso di non-vittoria sia proprio Frustalupi a pagare. Sperando di non avergliela gufata, indico la prossima gara|‘focus’|precedenti ed ex: Juventus U23*(12**)Pistoiese(9,quintultima*)3-2servizio Tvl│highlightstabellino│‘pagelle’ alle 15 di domani, dodicesima giornatastadio “Giuseppe Moccagatta”; Alessandria [diretta in chiaro su elevensport.it] {a porte chiuse}. * tre gare in meno; ** insieme ad altre due squadre; *** a pari punti con il Piacenza, ma in vantaggio nello scontro diretto.’  Anche stavolta le previsioni meteo ci hanno beccato: calo termico e tramontano/grecale (bora a Trieste); come spesso accade quando tira il vento impetuoso da nord-nordest, nella Bassa fa tempaccio: vedi l'allerta rossa in Calabria e gialla sulla Sicilia. Le previsioni meteo per la prossima settimana indicano il ritorno dell'alta pressione con temperature rigide e quindi brinate in pianura e nelle vallati del Centro. Passate un buon weekend, ancora meno "serrato" per chi sta in Lazio Molise Sardegna Veneto provincia autonoma di Trento.

 news astronomia 

 news astronautica 

 Fiorentina 

 Pistoiese 

 Aglianese 

 Ferruccia 

news 2020 {I trimestre}

 

ARCHIVIO GENERALE